L’outplacement migliore, Tartarelli: “non licenzio, ricolloco”

Ecco spiegato in pochi minuti l’outplacement migliore di alto livello messo in atto da Luigi Tartarelli per le aziende clienti che si rivolgono a lui, per allontanare manager o dirigenti in Italia e nel mondo. “Non licenzio, ricolloco”.

 

Dalla trasmissione “Memorie di un cacciatore di teste” (2015)

 

Annunci

Via i centri per l’impiego. La ricetta di Luigi Tartarelli: “serve agenzia nazionale che sappia riconoscere il talento”

Via i centri per l’impiego ed i loro cloni (passati e futuri), occorre in Italia costruire delle strutture di formazione sul territorio in grado di permettere a giovani e meno giovani non tanto di trovare il lavoro sotto casa che non esiste più ma di poter spendere particolari conoscenze (professionali, strategiche, motivazionali) laddove c’è richiesta di certe figure, soprattutto all’estero. Questa la ricetta del cacciatore di teste Luigi Tartarelli per dare una vera svolta al modo di cercare e trovare lavoro:

“L’Italia potrebbe essere il primo paese europeo ad introdurre un progetto del genere che ad oggi esiste solo negli Stati Uniti. Occorrerebbe realizzare nel territorio un centro specializzato che fornisca una formazione diversa e alternativa a giovani e meno giovani per trovare lavoro in Italia ed all’estero. Oggi tutto questo non esiste. Al centro per l’impiego non si trova niente di simile così come nelle agenzie interinali, non hanno le idonee competenze per poter proiettare un giovane nel mondo del lavoro.

Solo negli Stati Uniti esistono strutture che possano davvero insegnare ai giovani come e dove cercare lavoro
Solo negli Stati Uniti esistono strutture che possano davvero insegnare ai giovani come e dove cercare lavoro

 Parlo sia di una maestranza che vuole andare a lavorare all’estero o anche di un plurilaureato che vuole andare a lavorare alla Nasa piuttosto che in Scandinavia. Non ci sono strumenti che possano aiutare queste persone a meno che non abbiano tra conoscenti e parenti qualcuno con particolari mezzi e “reti” da poter sfruttare. Il ministero dovrebbe quindi creare un’agenzia nazionale ed internazionale per formare i candidati in modo che possano avere gli strumenti conoscitivi, relazionali, strategici per poter spendere le proprie competenze nel mondo del lavoro, anche e soprattutto all’estero. In questi centri si dovrebbe valutare il talento dei candidati e le loro caratteristiche e attitudini.

Il cacciatore di teste Luigi Tartarelli
Il cacciatore di teste Luigi Tartarelli

 Ed a fare questo non potrebbe essere una semplice agenzia del lavoro ma occorre una struttura che abbia specifiche competenze con collegamenti e conoscenze in tutto il mondo per poter proiettare giovani e meno giovani ovunque. In Italia purtroppo ancora prevalgono parcheggi politici, gli stessi centri dell’impiego o le strutture che li sostituiranno mi sembrano abbiano scopi diversi dal fornire una vera ed utile formazione”.

Jobs act: “controlli necessari ma serviranno a poco senza una nuova educazione”

Da mesi si leggono polemiche sui cosiddetti controlli a distanza, introdotti dal jobs act, che i datori di lavoro potrebbero svolgere sui dipendenti attraverso i dispositivi mobili aziendali. Si è parlato di privacy a rischio e di altri potenziali pericoli a danno del lavoratore.

Secondo il cacciatore di teste Luigi Tartarelli i controlli a distanza dei dipendenti si sono resi necessari ma serviranno a ben poco senza un radicale cambiamento della mentalità generale dei lavoratori ed un ritorno all'onestà
Secondo il cacciatore di teste Luigi Tartarelli i controlli a distanza dei dipendenti si sono resi necessari ma serviranno a ben poco senza un radicale cambiamento della mentalità generale dei lavoratori ed un ritorno all’onestà

Secondo il cacciatore di teste Luigi Tartarelli tali controlli sono diventati inevitabili ma non basteranno senza un vero shift nella mentalità di ognuno: “Partirei da un concetto: quello dell’onestà e della diligenza. Andrebbero educati gli italiani di nuovo a questi valori. Un tempo non erano disonesti e poco lavoratori.  Poi la classe politica li ha educati ad essere disonesti, ladri e tendenti alla furbizia. Occorre quindi anche un controllo molto severo. Come si vede ovunque c’è chi ruba e chi si imbosca. L’ultimo dell’anno i vigili a Roma erano tutti stranamente malati e via dicendo. In ogni luogo di lavoro scopri così che quello ti ha tubato, quello di 8 ore ne fa una, o non ne fa per niente. I controlli si sono resi necessari ma non risolveranno niente, anche perché c’è molta protezione in Italia di certi comportamenti. Si può rieducare anche gli adulti, solo così si potrà  uscire da un tunnel pesante dove c’è ancora troppo poco lavoro. La ripresa può esserci ma se non verranno superate queste criticità all’interno delle aziende sarà comunque difficilissimo uscirne”.

Memorie di un cacciatore di teste, puntata 7 (VIDEO)

Settimo appuntamento con “Memorie di un cacciatore di teste” trasmissione realizzata da Fabio Frabetti, distribuita da Rebel Production con la partecipazione dell’head hunter Luigi Tartarelli.

L'head hunter Luigi Tartarelli in un momento della trasmissione
L’head hunter Luigi Tartarelli in un momento della trasmissione

In questa puntata:

– non solo ricerca, il cacciatore di teste viene anche chiamato per allontanare figure non più gradite, ecco come ci riesce

– mobbing sui luoghi di lavoro, è davvero una piaga così diffusa?

– L’Euro, quanto e come ci ha cambiato davvero?

Memorie di un cacciatore di teste, puntata 6: lavorare all’estero, tempi e tecnologia, etica VIDEO

Sesto appuntamento con l’head hunter Luigi Tartarelli: in questa puntata si parla dell’etica del cacciatore di teste, del trovare lavoro all’estero e del difficile rapporto tra tempo, tecnologia e dipendenze.

L'head hunter Luigi Tartarelli in un momento della trasmissione
L’head hunter Luigi Tartarelli in un momento della trasmissione

Invece di lavorare di meno, si lavora sempre di più e sempre più lontano

Guarda l’intera puntata:

Memorie di un cacciatore di teste, puntata 4

Un momento della trasmissione con l'head hunter cacciatore di teste Luigi Tartarelli
Un momento della trasmissione con l’head hunter cacciatore di teste Luigi Tartarelli

Quarto appuntamento con Memorie di un cacciatore di teste, in compagnia dell’head hunter Luigi Tartarelli. Nel programma di Fabio Frabetti in questa puntata si parla di crisi economica, consigli per chi perde il lavoro in età avanzata e situazioni particolari che si trova a gestire il cacciatore di teste.